venerdì 18 agosto 2017

Milk And Honey: la raccolta di parole che ogni donna dovrebbe leggere (e rileggere)

Buonasera, carissimi Readers! Come state? Nei prossimi giorni il blog rientrerà nel pieno delle sue attività, con un sacco di news e recensioni, e ho deciso di aprire questa stagione letteraria con un consiglio libroso davvero imperdibile: sto parlando di "milk and honey" della poetessa indiana Rupi Kaur, una raccolta di piccole poesie, parole concrete, pillole della vita di tutti i giorni, narrate con una semplicità disarmante. I temi trattati sono tanti, quali l'amore, la perdita, la violenza, e la rinascita. Si tratta di quel tipo di libro che ogni singola donna dovrebbe leggere e rileggere. Ve ne parlerò presto in una recensione approfondita, ma ora godetevi quest'anteprima e non perdete questo romanzo!





PER 9 MESI AI VERTICI DELLA CLASSIFICA DEL NEW YORK TIMES
UN FENOMENO MONDIALE
IN CORSO DI PUBBLICAZIONE IN TUTTO IL MONDO

milk and honey è una raccolta di testi di amore, perdita, trauma, violenza, guarigione e femminilità. Si divide in quattro capitoli, ognuno persegue un obiettivo diverso, tratta una sofferenza diversa, guarisce un dolore diverso. milk and honey accompagna chi legge in un viaggio attraverso i momenti più amari della vita e vi trova dolcezza perché la dolcezza è dappertutto, se solo si è disposti a cercarla.

«milk and honey è un libro che ogni donna – non ogni lettrice, proprio ogni donna – dovrebbe tenere sul proprio comodino o sul tavolino in salotto… Una poesia splendidamente onesta che narra le esperienze quotidiane e collettive dell’universo femminile contemporaneo.»
Huffington Post

«Una poesia breve, vissuta e schietta che affronta temi imprescindibili come il femminismo, l'amore, il trauma e la guarigione in versi che scorrono veloci come musica.»
The New York Times

«Una giovane poetessa si è fatta largo in posti dove non ci si aspetterebbe di trovare una raccolta di poesie – ad esempio nella classifica dei best seller del New York Times.»
The Guardian

martedì 8 agosto 2017

Anteprima "Wintersong" di S. Jae-Jones

Buon pomeriggio, Readers! Come procede la vostra estate? State leggendo tanto quanto me? Io ho un sacco di recensioni nel cassetto, alcune delle quali di libri bellissimi ed altri un po' meno, che non vedo l'ora di farvi leggere. Nel frattempo, però, vi voglio deliziare con due piccole novità.
La prima riguarda Wintersong, un romanzo fantasy che uscirà il 26 ottobre 2017 grazie a Newton Compton di cui vi propongo l'anteprima in questo post (hanno deciso di mantenere la cover originale, non la trovate meravigliosa?); la seconda novità è in realtà una piccola anticipazione: il 21 settembre 2017 uscirà in tutte le librerie "Punk 57", il romanzo contemporary di Penelope Douglas, ed ho deciso di organizzarne un bellissimo Review Party.
Quindi, il giorno d'uscita del libro, troverete la mia recensione in anteprima e quelle di tutte le blogger partecipanti. Inutile dire che non vedo l'ora di leggere entrambi i romanzi!

 
26/10/2017
 

È l’ultima notte dell’anno. Ora che si sta avvicinando l’inverno, il Re dei Goblin sta per partire alla ricerca della sua sposa… Per tutta la vita, Liesl ha sentito infiniti racconti sul bellissimo e pericoloso Re dei Goblin. È cresciuta insieme a quelle leggende che hanno popolato la sua immaginazione e ispirato le sue composizioni musicali. Adesso è diventata grande, ha ormai diciotto anni, lavora nella locanda di famiglia e sente che tutti i sogni e le fantasticherie le stanno scivolando via dalle mani, come tanti minuscoli granelli di sabbia. Ma quando sua sorella viene rapita dal Re dei Goblin, Liesl non ha altra scelta che mettersi in viaggio per tentare di salvarla. E così si ritrova catapultata in un mondo sconosciuto, strano e affascinante, costretta ad affrontare una decisione fatale.
Ricco di musica e magia, personaggi straordinari e storie avvincenti e romantiche, Wintersong di S. Jae-Jones trasporta il lettore in un mondo indimenticabile.

domenica 23 luglio 2017

Recensione "The Paper Swan" di Leylah Attar



Un normale giorno di shopping sta per trasformarsi in un incubo per Skye Sedgewick. A un passo dalla sua macchina nel parcheggio viene rapita e narcotizzata. Poco dopo sembra arrivata la sua fine: lo sconosciuto la costringe a inginocchiarsi e le tiene puntata una pistola alla tempia. Skye aspetta che parta il colpo mentre recita la preghiera che l’aiutava a dormire da bambina, ma riceve solo un fortissimo colpo alla testa che la tramortisce. Al suo risveglio, l’incubo è ancora al suo fianco, ha i lineamenti scolpiti e uno sguardo impenetrabile. Chi è quest’uomo e perché le è così familiare? Questo è solo l’inizio di una storia sconvolgente, una tempesta di emozioni violente e di sentimenti che travolgono il lettore sin dalle prime pagine. Un romanzo d’amore epico, oscuro e indimenticabile.
RECENSIONE
"Se muoio stanotte, voglio morire ricordandomi cosa ho provato quando ho tenuto il mondo tra le mani."


Ci ho messo un po' a decidermi di scrivere questa recensione, e sapevo già ancora prima di iniziare che non avrei mai - e dico mai - trovato le parole giuste, quelle in grado di descrivere l'assoluta immensità di questo libro. 
Quando l'ho iniziato, ero titubante. Titubante per la storia, per i personaggi, per il prologo partito in sordina. Ma non per lo stile. La narrazione dell'autrice è spettacolare fin dalla prima pagina. E la cosa che più mi ha stupita e meravigliata è come lo stile di Leylah Attar abbia trasformato la mia incertezza iniziale in certezza, raccontando con tantissima maestria una storia unica. Una storia singolare, che nessuno leggendo la sinossi sarebbe mai in grado di immaginare. Una storia che affonda le sue radici nella famiglia, nei suoi valori, nell'amore di ogni genere - quello di un padre, di una madre, di un amico - nei bassifondi di una società consumata dal denaro sporco, nella manovalanza criminale, nella vendetta.
"Quanto ci inganniamo quando pensiamo che tutto riguardi noi. Quanto ci arrovelliamo per fare in modo che la nostra visione coincida con i fatti. Quanto seguiamo ciecamente le nostre emozioni artefatte, il buono, il brutto e il cattivo. Mio padre avrebbe creduto soltanto a ciò che voleva credere. Damian avrebbe fatto lo stesso. Io potevo lasciarmi lacerare, combattuta tra due uomini, oppure accettare che non sarei mai stata in grado di cambiarli."
"The Paper Swan" è un romanzo inaspettato, sotto ogni suo punto di vista. Un libro potente quanto una scarica di pallottole, profondo come l'oceano, e significativo come una fiaba raccontata ai bambini prima di andare a dormire. 
"C'è sempre una storia dietro ad un'altra storia."
Ogni pagina è una sorpresa, ogni capitolo riassume un aspetto della nostra vita, ogni parola ci permette di conoscere i personaggi e vederli crescere in una realtà dura, spietata, ed incredibile vera. 
La schiettezza sfrontata di questo romanzo è il suo punto di forza: nulla è addolcito, nulla ha bisogno di giri di parole quando ne basta una, nulla ha bisogno di essere nascosto, nulla non è reale e crudele come la vita.
Il personaggio-chiave in assoluto di "The Paper Swan" è Esteban. Lui è il fulcro del libro, è partenza e distruzione, vendetta e salvezza . La sua storia è ciò che trasporta ogni singola vicenda, ciò che da una causa ad ogni conseguenza, ciò che vi farà entrare dentro il suo mondo. Vendetta, amore e redenzione sono solo tre degli innumerevoli aspetti di questo romanzo.
"Puoi scegliere l'amore oppure l'odio, ma sappi che non possono coesistere."
Non è un dark, è tremendamente stupido e limitativo definirlo tale. È un contemporary romance con centinaia di sfumature, che deve essere letto e vissuto per essere capito. 
Se volete leggere qualcosa di indimenticabile, The Paper Swan è ciò che fa per voi. Ne diventerete dipendenti, ne sono certa.
Il mio voto per questa rivelazione è 10/10 con lode!
"Ci saranno sempre momenti come questo, pieni di magia  e appagamento, quando le anime accarezzano il divino e semplicemente restano senza fiato."


mercoledì 19 luglio 2017

Recensione "L'amore è un gioco pericoloso" di Rachel Van Dyken

 VOTO: 8/10
Ian Hunter è un uomo che non si arrende. Quando ha dovuto rinunciare alla carriera di giocatore di football professionista a causa di un incidente, Ian non si è perso d'animo. È tornato al college, ha ricominciato a studiare e ha fondato la Wingmen Inc, un’agenzia che si offre di aiutare le persone a conquistare l'anima gemella. Non che Ian creda davvero nell'amore: per lui, le donne sono solo un divertimento. Sul lavoro, invece, è serissimo, al punto che la sua regola d'oro è «mai lasciarsi coinvolgere da una cliente». Ma tutte le sue certezze vanno in frantumi nel momento in cui incontra Blake. Sguardo innocente e sorriso disarmante, Blake è la classica brava ragazza da cui uno come Ian dovrebbe stare alla larga. Anche perché lei ha richiesto i servigi della Wingmen per farsi notare dall'uomo dei suoi sogni, che ovviamente è affascinante, responsabile e soprattutto fedele. Eppure, più tempo passa con Blake, più Ian si rende conto di quanto la sua esistenza sia vuota e superficiale; di quanto in fondo al cuore senta il bisogno di avere accanto qualcuno non solo per una notte, ma per sempre. Convincere una ragazza riservata e seria come Blake a dare una chance al più incallito don Giovanni della città non sarà un'impresa facile. Per fortuna, Ian Hunter è un uomo che non si arrende…
RECENSIONE
Sono ricco.
 Sono intelligente: chiedete ai miei professori.
Rimorchio più di quanto un uomo dotato del mio appetito possa gestire.
E in pratica sono il Superman dei giorni nostri, salvo le donne da se stesse mentre il mio migliore amico, Lex, mi fa da assistente.
Non sarà facile descrivere tutta la dolcezza di questa storia ed il coinvolgimento che ho provato leggendola. Rachel Van Dyken ha scritto un romanzo frizzante e delicato al tempo stesso ed ha creato dei personaggi che mi sono, davvero, entrati nel cuore.
Ian e Lex sono due migliori amici e due complici. Studiano all'università e lavorano in una società da loro fondata, la Wingmen Inc., un'agenzia top secret che si occupa di aiutare le ragazze a conquistare l'uomo dei loro sogni. 
Nel nostro universo, ogni donna è bellissima, ognuna ha uno scopo, ognuna un uomo che vuole conquistare, un capolavoro d'arte maschile irraggiungibile. 
Pensate a noi due come se fossimo mercanti d'arte.
Non c'è di che, mondo.

Il protagonista di "L'amore è un giorno pericoloso" è sicuramente Ian Hunter, un ragazzo che ha visto il proprio futuro come professionista di football sfumargli davanti agli occhi, quando un incidente l'ha costretto a smettere di giocare. Tuttavia impiega anima e corpo nello studio e nel lavoro, e se nella sua vita privata si comporta come un donnaiolo senza scrupoli, nella Wingmen Inc. mette il 100% della sua professionalità. Fino a quando, però, entra in scena Blake, la nuova coinquilina della sua migliore amica Gabi.  Lei è la ragazza che lo farà ricapitolare, che gli farà capire cosa significhi vivere con qualcuno di importante al proprio fianco e che  gli farà sentire il bisogno di cambiare in meglio.
Per la prima volta in vita mia, volevo una ragazza che non potevo avere.
Ed era un vero schifo.
Ho adorato la scelta di narrazione dell'autrice e credo sia stata la sua fortuna: tutto il libro è raccontato dal point of view di Ian e ci permette di entrare nel pieno della sua vita e della sua mente. 
Ian Hunter, dopotutto, è il fulcro del romanzo. Ogni cosa gira intorno al suo fascino, al suo sarcasmo, alle sue parole e alla sua evoluzione. 

Anche Blake è un personaggio creato perfettamente e, soprattutto, è fondamentale per la crescita interiore di Ian. Purtroppo non c'è nemmeno un capitolo da lei narrato, e questo mi ha impedito di entrarci completamente in sintonia. Come ho già detto, Ian Hunter rimane l'indiscusso protagonista. 
Rachel Van Dyken ha scritto un New Adult leggero, armonioso ed ironico, che si legge in un battibaleno, e che non annoia mai. Leggi la prima pagina, e ti ritrovi catapultata alla cinquantesima. Lo stile dell'autrice è un altro punto di forza del libro: è scorrevole e sarcastico, con dialoghi intelligenti e mai scontati. 
Non era strano. Se avessi dovuto descrivere quel momento, con me che ancora grondavo caffè e Blake che schermava la bocca dai miei assalti con un cuscino...avrei detto che era triste.
Così mi sentivo.
Triste.
Perché lei mi piaceva.
"L'amore è un gioco pericoloso" è una storia piena di cliché, è doveroso dirlo. Ma è un punto a suo sfavore? Assolutamente no. Perché c'è una sottile differenza tra un libro che ci sguazza, negli stereotipi, ed un libro che li rielabora e li rimette in gioco in modo originale e imprevedibile. E "The matchmaker's playbook" fa parte di quest'ultima categoria. 
Se lo dovessi descrivere con qualche aggettivo, direi che questo romanzo è estivo, divertente, frizzante e coinvolgente. Se volete leggere qualcosa di appassionante e non troppo impegnativo sotto l'ombrellone, è ciò che fa per voi.

"David mi ha appena fatto un gestaccio."
Il suo sorriso svanì. "Sul serio? Ma è da maleducati, no? Perché lo ha fatto?"
Le sorrisi. "Perché lui aveva le mani libere. Mentre io..." Sollevai le nostre, unite. "Io no."


Per me è un 8/10!
Non vedo l'ora di leggere il prossimo libro, dedicato a Lex, che non mi farò assolutamente scappare!

sabato 15 luglio 2017

Recensione "Il Giardiniere" di Natasha Preston

I'm back! Buongiorno Readers! Come state? Come procedono le vostre vacanze estive? Come promesso, dopo questo piccolo periodo di pausa, sono tornata con taaaante recensioni e una moltitudine di novità! Partiamo subito col botto: un libro letto sullo sdraio di fronte al mare che ho amato. Sto parlando del nuovissimo thriller di Natasha Preston,  che non potete proprio perdervi! Curiosi di leggere la mia recensione entusiasta?


 
VOTO: 9.5/10

A Long Thorpe non succede mai niente, finché la sedicenne Summer Robinson non scompare nel nulla. Né la famiglia né la polizia investigativa riesce a ritrovarla. Summer rimane intrappolata per mesi in una cantina con l’uomo che ha rapito lei e altre tre ragazze, che lui chiama Rose, Poppy e Violet: i suoi delicati, perfetti fiori. La sua famiglia. Peccato che i fiori non possano sopravvivere a lungo lontano dal sole.
RECENSIONE

Se vuoi sopravvivere, devi solo fingere di volergli bene.

 
Summer è una 16enne che abita in una cittadina in cui non succede mai nulla. Non accade mai nulla ma, proprio la sera in cui esce da sola non lasciando la possibilità al suo fidanzato Lewis di offrirle un passaggio, un uomo la rapisce.
Una persona apparentemente normale che la porta nella sua casa, troppo pulita, che profuma di un limone così concentrato da rendere difficile la respirazione.
La lascia in una cantina allestita come una piccola casetta - con tutto ciò che occorre: una cucina, un soggiorno, un bagno, e delle stanze da letto - insieme ad altre 3 ragazze. Rose, rapita ormai da anni, Poppy e Violet, scomparse da mesi, diventano le compagne dell'incubo di Summer.
Una prigionia anticonvenzionale, perché per Clover - l'uomo che le ha rapite - loro rappresentano dei perfetti fiori, e la famiglia meravigliosa che ha sempre desiderato. Il carnefice di questa storia è perfettamente consapevole di ciò che ha fatto; solo, gli dà un altro significato. Per lui non è un crimine l'aver rapito e segregato delle ragazze, non è un peccato, ma tutt'altro: in questo modo può salvarle.
Salvarle da un destino prevedibile, scontato, e sporco, capace di contaminarle e farle diventare delle poco di buono, le stesse donne che lui uccide con meticolosa freddezza, cadendo in una spirale di violenza senza fine.
Grazie al talento dell'autrice e all'alternanza dei punti di vista dei personaggi principali, scopriamo brandelli dell'inquinata infanzia di un uomo che è cresciuto imparando ad odiare le prostitute e il motivo per il quale sente che annientarle sia un contributo per il mondo.  


 

Summer, protagonista della storia, mi è piaciuta molto.  È una ragazza forte, che ha visto scivolare via le cose a cui teneva di più, ma che conserva la speranza e la voglia di fare qualcosa per cambiare la situazione. Le sue compagne, principalmente Rose e Poppy, durante la prigionia riescono a sdoppiare loro stesse continuando a chiamarsi come Lui vuole che si chiamino, mentre Summer no. Lei non accetta di diventare Lily, non riesce a sopportare l'idea di doversi annullare e diventare l'ombra sfocata di ciò che è stata. 

 Uno scricchiolio alla porta della cantina mi fa saltare il cuore in gola e torcere lo stomaco. Sta tornando indietro. Ascolto con attenzione ma non riesco a sentire nient’altro che un lieve cigolio della maniglia. Perché non sento nient’altro? All’improvviso mi manca il respiro. Come se mi avessero dato un pugno nello stomaco. È insonorizzata. Non possiamo sentire nessun rumore di fuori, e cosa più importante: nessuno può sentire che qua dentro c’è qualcuno.
 

Clover, carnefice insospettabile, mi ha ricordato moltissimo Norman Bates di Psycho. Ogni volta che leggevo i capitoli con la sua descrizione nella mia immaginazione era interpretato da Anthony Perkins, il celebre Norman del film Psycho diretto da Hitchcock, ed è incredibile come Natasha Preston sia riuscita, nei capitoli con il suo point of view, a raccontare perfettamente  la sua psicologia e a lasciare indizi sul suo passato che ci avrebbero condotto, poi, al quadro completo. 
 


 
Infine c'è il personaggio di Lewis, il fidanzato di Summer, che nonostante non abbia molta necessità nella narrazione, rimane comunque un bel personaggio che serve ai fini della storia e che è anche protagonista dei flashback di Summer, dei ricordi fondamentali a cui si tiene aggrappata durante la prigionia. 
 
 
Avevo sentito "Andrà tutto bene" troppe volte. Ma quando avrebbe iniziato ad andare bene davvero? Quando lo diceva Lewis, era vero. Quando mi abbracciava, tutto sembrava andare a posto, anche solo per un momento. Avevo bisogno di lui più di ogni altra cosa, e lui non c'era.

 
The Cellar è stata una lettura claustrofobica e compulsiva, per me. Tutto quello che volevo era continuare a leggere, leggere, e leggere, senza mai fermarmi, per riuscire ad ogni pagina a capirne un po' di più e a scoprire le vicende delle personaggi. Nonostante il finale sia stato decisamente scontato - ed è quello che mi impedisce di dargli il massimo dei voti - questo libro è stato l'ennesimo gioiello di Natasha Preston, che è una garanzia nel vero senso della parola. 
Se amate i gialli e i thriller psicologici, specialmente quelli con protagonisti degli psicopatici insospettabili ( alla Ted Bundy, se scaviamo nella realtà) e i libri scritti in modo quasi cinematografico, non potete perdervi questo romanzo! 
Il mio voto è 9.5/10.

E voi, l'avete letto? Cosa ne pensate? E mi raccomando...#StayTuned per sapere le novità librose e le recensioni dei prossimi post!

Un abbraccio e buone vacanze a tutti!

martedì 27 giugno 2017

My summer reading list: la mia lista di letture per l'estate!

Buongiorno, cari Readers! Prima di salutarvi per un paio di settimane - causa vacanze, come vi avevo anticipato nello scorso post- vi lascio la mia Summer Reading List, ovvero i libri della mia WL che intendo leggere durante quest'estate! Spero di lasciarvi qualche buon consiglio e qualche buona lettura! Se anche voi avete consigli e/o avete letto qualcuno di questi romanzi, lo spazio nei commenti è tutto vostro!
Ready?
-Girls di Jessica Shiefauer
Sinossi Qui

-Il giardiniere di Natasha Preston
Sinossi Qui
-Lolita di Vladimir Nabokov
Sinossi Qui
-Il giardino delle farfalle di Dot Hutchison
Sinossi Qui
-Noi siamo tutto di Nicola Yoon
Sinossi Qui
-Com'è giusto che sia di Marina Di Guardo
Sinossi Qui
-Eppure cadiamo felici di Enrico Galiano
Sinossi Qui
-Caos Calmo di Sandro Veronesi
Sinossi Qui
-Il profumo di Patrick Suskind
Sinossi Qui
-Acquanera di Valentina D'Urbano
Sinossi Qui
-Tutto l'amore che mi manca di Emily Henry

Sinossi Qui

-La nobile arte del mollare tutto di Matthew Quick
Sinossi  Qui
-Quelli che meritano di essere uccisi di Peter Swanson
Sinossi Qui
-Absence di Chiara Panzuti
Sinossi Qui

domenica 25 giugno 2017

Must-Read Books for Summer: qualche consiglio di lettura per l'estate!

 
Buongiorno, Readers! Come procede la vostra estate? E le vostre letture estive? Se avete cliccato su questo post, la ragione principale è questa: la vostra Summer Reading List ha bisogno di nutrimento. Perciò, prima di ritirarmi in vacanza per un paio di settimane - quindi preparatevi a taaante recensioni quando tornerò attiva sulla blogosfera - ho deciso di lasciarvi qualche consiglio letterario per l'estate e, nel prossimo post, vi farò conoscere i libri che intendo leggere in questi caldi mesi dell'anno.
Pronti con carta e penna? E non dimenticate di lasciarmi un commento con la vostra opinione, qualora ne aveste letto qualcuno dei seguenti!

 
1)

Destiny di Lindsey Summers
 

RECENSIONE QUI
 



Per Keeley sarebbe stato già un disastro aver preso il telefono sbagliato, l’ultimo giorno di scuola appena prima di partire per le vacanze estive. Ma il disastro si trasforma in una vera catastrofe quando scopre di aver preso per errore quello dell’odioso, egocentrico Talon, che tra l’altro è appena partito per il ritiro di football… con il suo telefono. Con riluttanza, i due decidono di inoltrarsi reciprocamente i rispettivi messaggi per una settimana. E così, giorno dopo giorno, Keeley inizia a conoscere un altro lato di Talon, che non le dispiace per nulla. C’è molto oltre la facciata dell’atleta sbruffone che la maggior parte delle persone vede. E inizia a esserci molto di più anche nel cuore di Keeley riguardo a Talon. Troppo. Messaggio dopo messaggio, riesce a esprimersi come non le era mai capitato, e sente che potrebbe davvero diventare la persona che ha sempre voluto essere. E quando i due finalmente, dopo sette lunghi giorni, si incontrano per scambiarsi i telefoni, scocca la magica scintilla. Ma, mentre Keeley ha giocato a carte scoperte, Talon nasconde un segreto che li riguarda. Qualcosa che potrebbe cambiare la loro relazione. E quando Keeley lo verrà a sapere, potrà fidarsi ancora di lui?





2)

Phoneplay di Morgane Bicail
 


RECENSIONE QUI
 
Alyssa ha sedici anni, studia al liceo e pensa che la sua vita sia una noia mortale. Ogni giorno le stesse cose: famiglia, scuola, compiti e tutto il resto, mai un’avventura che le possa cambiare la giornata. Una sera, però, riceve un sms da un numero che non conosce e che dice solamente “Buonasera Alyssa”. La ragazza, incosciente, risponde allo sconosciuto che le propone di partecipare al seguente gioco: se Alyssa indovinerà la sua identità, lui diventerà suo per sempre. Per Alyssa è l’occasione che aspettava per uscire dalla routine. Anche se questo significa fare un salto nel vuoto e assumersi un grosso rischio. E se questo fantomatico Jamie fosse uno spostato o peggio ancora un malintenzionato? Fino a dove Alyssa è disposta ad arrivare per un ragazzo di cui non sa nulla?
 
 
3)

Paper Princess di Erin Watt
 
 
RECENSIONE QUI
 
Un patto che nasconde più di un segreto. Un sogno fragile come carta. Una passione che non darà tregua.
A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d'ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e... Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un'intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un'inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco...
 
4)
 
Bully & Aflame di Penelope Douglas
 
 
 
Un tempo Jared e Tate erano grandi amici: sono cresciuti insieme, si sono aiutati a vicenda nei momenti difficili. Ma, dopo un’estate che hanno trascorso lontani, Jared è cambiato. Il bambino dolce di una volta si è trasformato in un ragazzo difficile e astioso, sempre pronto a offendere e deridere Tate, a schernirla e a farla oggetto dei propri soprusi. A scuola le ha reso la vita un inferno, e Tate non sa più come difendersi: vorrebbe odiarlo eppure non ci riesce, perché sente che il suo vecchio amico ha sofferto, che questa sua prepotenza nasconde una profonda ferita. Deve scoprire il motivo della sua rabbia, raggiungere il suo cuore e carpire il segreto da cui lui ha deciso di tenerla all’oscuro
 
 
RECENSIONE QUI
 
I ruoli si sono capovolti, ora ho il potere e tocca a lui mendicare…
Tutti vorrebbero essere come me. Forse è l’effetto che faccio sugli altri per come mi vesto o per come mi sistemo i capelli, non importa. Anche se l’ultima cosa di cui ho bisogno è l’interesse della gente, non riesco proprio a smettere di essere al centro dell’attenzione. Domino la pista, la velocità mi fa vibrare e il vento e la folla urlano il mio nome. Sono proprio io, la ragazza pilota. La regina della corsa. Sto sopravvivendo, e non ci avrei scommesso. Tutti, però, mi parlano di lui. Hai visto Jared Trent in TV? Cosa ne pensi della sua ultima gara, Tate? Quando tornerà in città, Tate? Mi rifiuto di pensarci troppo. Perché quando Jared tornerà a casa, io non sarò qui. Tatum Brandt non esiste più. Sono diventata una persona nuova.

 
 5)

Corrupt di Penelope Douglas


 
 
RECENSIONE QUI
 
Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell'orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. È il campione della squadra di basket del suo college e ora è diventato un professionista. Non mi vede neppure. Ma io l'ho notato. L'ho visto, l'ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha nascosto. Per anni mi sono mangiata le mani, incapace di distogliere lo sguardo. Ora sono all'università ma non ho smesso di osservarlo.
È un pessimo soggetto, e non so quanto ancora riuscirò a tenere segrete le cose che gli ho visto fare.

Si chiama Erika Fane, ma tutti la chiamano Rika. È la ragazza di mio fratello ed è sempre in giro per casa nostra, sempre a cena con noi. Abbassa lo sguardo quando entro io, e quando le sono vicino è come pietrificata. Riesco sempre a percepire la sua paura, e anche se non possiedo il suo corpo, so di avere la sua mente. È l'unica cosa che voglio. Almeno finché mio fratello non si arruola, e io trovo Rika da sola al college. Nella mia città. Indifesa. L'occasione è incredibilmente allettante.
Perché tre anni fa per colpa sua alcuni miei amici sono finiti in prigione, e ora sono usciti.
 

 6)
 
When It Rains di Lisa De Jong
 
 
RECENSIONE QUI
 

Una notte ha cambiato la mia vita per sempre.

Beau Bennett è stato il mio migliore amico da quando mi ricordo . E ' stata la mia prima cotta prima che tutto sia crollato , e adesso lui vuole di più , ma è più di quanto io possa dargli . Le cose ora sono diverse . Vorrei potergli dire il motivo, ma non posso. Non lo sa nessuno. Non ho mai saputo quanto avevo davvero bisogno di lui fino al giorno della sua partenza per il college , e sono rimasta completamente sola. Poi un giorno , Asher Hunt arriva in città con i suoi scuri, accattivanti occhi ed il suo sorriso arrogante . Non gli importa chi ero , lui semplicemente dà vita a quello che è rimasto . La gente mi avvisa di stargli lontano , ma lui mi aiuta a dimenticare il dolore che mi ha tenuto in ostaggio per tanto tempo ; qualcosa che pensavo fosse impossibile prima è entrata nella mia vita. Sono stata ferita. Sono stata salvata. E ho trovato la speranza. Pensavo che la mia storia fosse stata scritta quella notte , ma ora so che era solo un nuovo inizio . Finché un segreto capovolge il mio mondo...di nuovo.
 
 7)
 
Per Sempre Con Te di Katie McGarry
 

RECENSIONE QUI
 

La diciassettenne Breanna può essere definita con due parole: semplice e responsabile. Per lei il rispetto delle regole è tutto, finché una notte non rimane invischiata in una situazione di cyberbullismo per un suo comportamento non proprio da prima della classe, in cui Thomas "Rasoio" Turner ha il ruolo principale. Il suo mondo perfetto e ordinato, così, viene scosso dal profondo.Thomas "Rasoio" appartiene al club motociclistico dei Reign of Terror dove le brave ragazze come Breanna non sono contemplate. Ma quando capisce che lei è sotto ricatto per una foto compromettente in cui loro due compaiono insieme, decide che è arrivato il momento di mettere da parte le regole non scritte dei Terror. I due fanno un patto: Rasoio tirerà fuori Breanna dal brutto guaio in cui si è cacciata; lei, in cambio, lo aiuterà a venire a capo di un mistero interno al club, di cui nessuno ha intenzione di parlare. Dopo di che ognuno riprenderà la propria vita. Ma più passano del tempo insieme e più il feeling tra loro aumenta, senza che nessuno dei due possa fare qualcosa per contrastarlo. Rasoio e Breanna si troveranno entrambi costretti a camminare ognuno sul filo delle proprie regole per poter scoprire chi sono, che cosa vogliono e dove andranno in un futuro non troppo lontano.
 8)
 
Chiedi Alla Polvere di John Fante


 
 RECENSIONE QUI
 
Pubblicato per la prima volta nel 1939 è uno dei primi romanzi dello scrittore italo-americano, riscoperto in Italia e in Francia alla fine degli anni Ottanta dopo un lungo periodo di dimenticanza. La saga dello scrittore Arturo Bandini, alter ego dell'autore, giunge in questo romanzo al suo snodo decisivo. L'ironia sarcastica e irriverente, la comicità di Arturo Bandini si uniscono alla sua natura di sognatore sbandato, che ne fa il prototipo di tutti i sognatori sbandati che hanno popolato la letteratura dopo di lui. Al centro della vicenda è il percorso di Bandini verso la realizzazione delle sue ambizioni artistiche e la sua educazione sentimentale dopo l'incontro con la bella e strana Camilla Lopez...
 
 
 9)
 
Dannate Ragazze di Robin Wasserman
 

RECENSIONE QUI
 
Novembre 1991. La notte di Halloween Craig Ellison, star della squadra di basket della scuola superiore di Battle Creek, si avventura nel bosco da solo e scompare. Tre giorni dopo lo ritrovano con una pallottola in testa e una pistola in mano, e quel gesto all'apparenza inspiegabile sconvolge profondamente i membri di quella tranquilla cittadina della Pennsylvania, già turbati da voci inquietanti sulla presenza di sette sataniche nella zona. Hannah Dexter, diciassettenne brillante ma solitaria, incontra Lacey Champlain poco tempo dopo la tragedia. Capelli nerissimi e una passione per Kurt Cobain che sfiora l'ossessione, Lacey è una ragazza carismatica e dal fascino perverso che si insinua nella vita e nella mente dell'impressionabile Dex, plasmandone il carattere a propria immagine e somiglianza fino a risvegliare una parte ribelle e oscura di lei che le trascina in una spirale di violenza sempre più febbrile e pericolosa.

 
 
Ne avete letto qualcuno? Volete consigliarne altri? Lo spazio nei commenti è sempre aperto!
Il prossimo appuntamento sarà tra pochi giorni, con la mia Summer Reading List!
 
Un abbraccio, buona estate e buone letture!